nov 25

fiera_autunno1 

Da quando abbiamo scoperto che le radici della nostra FIERA sono poste in una “regia autorizzazione” del 1599 ne siamo ancora più…FIERI.
Scherzi a parte, il terzo martedì di novembre, non troppi anni fa, sembrava destinato ad un inesorabile declino: un mercato più grande e nulla più.
Ma i notevoli sforzi compiuti da 10-15 anni a questa parte, si può dire che abbiano raggiunto il risultato: questo momento è vissuto con partecipazione da moltissimi piobesini, che non esitano a prendersi un giorno di pausa. Da qualche tempo sono ritornati anche i capi bovini, anche se non come competizione tra gli allevatori, come accadeva un tempo.
L’interesse delle scuole con l’esposizione di lavori ed elaborati vari dimostra che le tradizioni si possono rinnovare, attualizzando lo spirito collettivo che era alla base di questa occasione aggregativa.
Il salone del Centro Sociale era pienissimo di espositori, artisti locali e associazioni; anche a loro deve essere attribuita una certa dose di merito nel successo di quest’anno.
Una riflessione si pone invece per la serata conclusiva, il calo di pubblico presente deve invitarci a trovare altre forme ed occasioni per terminare degnamente la giornata.

L’elemento di novità di questa edizione risulta però l’iniziativa della Scuola di Cucina IFSE nel Castello. L’apertura di questa struttura a tutto il pubblico, che ha potuto curiosare legittimamente in sale e laboratori recentemente restaurati, ha riscosso un successo clamoroso, oltre ogni aspettativa.
Si stimano in 6-700 le persone che hanno potuto verificare di persona il processo di trasformazione di questo nostro prestigioso monumento.

3 Risposte a “Fiera autunnale 2009”

  1. longo fernando dice:

    sarebbe bello se la fiera venisse spostata in una giornata festiva

  2. longo fernando dice:

    SONO A PIOBESI DA UN ANNO E MEZZO E NON HO MAI VISTO LA FIERA PERCHE’ IL MARTEDI LAVORIAMO. SAREBBE POSSIBILE SPOSTARLA IN UNA GIORNATA FESTIVA.
    GRAZIE

  3. Fulvio B. dice:

    si sta valutando la possibilità effettiva di spostarla.
    La procedura prevede sia il coinvolgimento degli operatori commerciali, sia della Regione che pubblica calendari e regolamenta il settore…
    Penso che questo sarà possibile dall’edizione del 2011,
    Unità d’Italia…in Fiera!

Lascia un commento