nov 5

L’attuale gruppo di Maggioranza sta gettando le basi, prendendo atto ed accogliendo la proposta di privati, per la costruzione di un FORNO CREMATORIO che si insedierà sul terreno adiacente l’attuale cimitero, presso la Pieve di San Giovanni ai Campi, pregiudicandone il futuro ampliamento.
Sono previste 2000 cremazioni all’anno, 38 alla settimana, mediamente 5 al giorno. Un progetto importante e impattante sotto tanti punti di vista: le emissioni, il traffico, la stonatura con la bellezza della Pieve di san Giovanni ai Campi e della campagna circostante, la minima distanza dall’attuale insediamento abitativo (per non parlare di un eventuale sviluppo dell’area ex Inco e Olman).
In aggiunta, l’offerta economica per il Comune di Piobesi appare assolutamente irrisoria!
Chi si è sempre battuto per “coinvolgere la cittadinanza” e condividere con essa i propri obiettivi, perché ora che amministra, non lo ha fatto?

GIOVEDI’ SERA, 6 NOVEMBRE, Continuità e rinnovamento porterà queste considerazioni in CONSIGLIO COMUNALE.

Lascia un commento