dic 21

nido Le adesioni informali raccolte nel bando esplorativo per la ristrutturazione del piano superiore della ex scuola elementare e la gestione dell’asilo nido, ora devono essere oggetto di gara: all’aggiudicazione della stessa si concluderà in modo eccellente tutto il lavoro svolto dal gruppo di Maggioranza.

Tale processo ha permesso di non disperdere il patrimonio immobiliare Comunale per recuperare al meglio i locali, farli diventare oggetto di risparmio e di risorsa.

l risultato finale sarà l’assegnazione della gestione di un servizio al momento inesistente di cui la Collettività potrà giovare, senza costi aggiuntivi oltre a quelli del servizio stesso.

feb 20

coloriLa mostra itinerante “Le filastrocche dei colori”, creata da autori della rivista La Giostra e dal pittore Coco Cano, è nella Biblioteca di Piobesi fino al 29 febbraio. L’inaugurazione è stata allietata dai bambini 0/6 anni , già amanti di storie e colori: una bella iniziativa che dà nuovo splendore al progetto Nati per Leggere ormai avviato qui con successo da anni.
Mercoledì 22 febbraio i bambini delle Scuole dell’Infanzia di Piobesi saranno accompagnati dai loro insegnanti in visita alla Mostra e incontreranno il pittore!
La mostra è aperta in orario di biblioteca; l’ingresso è libero.

Per info: www.lagiostra.biz

gen 28

piobesi_youtube

Una scuola bio

E’ possibile vedere su You Tube un video tratto della trasmissione DALLA PARTE DEL CONSUMATORE, andata in onda giovedì 20 gennaio alle ore 20.50 su Telecupole. Il video presenta un servizio interamente decicato alla nuova scuola elementare di Piobesi. Per vedere il servizio cliccate qui.

nov 5

bambini2

Con questo post, intendiamo iniziare un piccolo resoconto di quanto è stato promosso, incentivato, rilanciato e realizzato nei primi 100 giorni delle nuova legislatura dalla Lista Civica Continuità e Rinnovamento, guidata dal nuovo sindaco Luciano Bollati.

La realizzazione della nuova scuola materna statale giunge a coronare una serie di opere, nel settore scolastico, di grandissima importanza: l’ampliamento della vecchia scuola elementare, la costruzione della nuova (finanziata per il 20% ca dalla Regione) e, appunto, l’istituzione di questa nuova sezione che offre una risposta all’allargamento dell’offerta formativa sul nostro territorio.Riassumere in poche parole l’iter seguito per poter giungere a questo risultato non è facile. Tutto l’iter è iniziato a fine febbraio 2009 e possiamo solo ricordare che le scadenze erano estremamente ravvicinate. Tempi strettissimi e panorama generale non certamente favorevole non facevano scommettere un soldo sull’intera operazione, ma ci siamo riusciti.
Ci permettete un po’ di legittimo orgoglio? Siamo stati bravi, sì, sia per la parte politica dell’Amministrazione sia per quella dei funzionari che ci hanno seguito in un’idea che all’inizio appariva praticamente folle. Ma non possiamo dimenticare il ruolo dell’Assessore Regionale Giovanna Pentenero, l’input di partenza sulla strada da seguire che ci è arrivato è stato decisivo, come il grande e determinante appoggio e la strettissima collaborazione con il Dirigente Scolastico Prof. Graziano. Un grazie caloroso ad ambedue, un grande gioco di squadra per un risultato del quale si comprenderà la portata solo tra qualche tempo.
Il prossimo anno scolastico entrerà in funzione la nuova scuola elementare, e cosa avverrà di quella vecchia? Con le dovute cautele dettate da limitate risorse di bilancio, tra circa tre anni, potrà essere la sede definitiva della Scuola Materna Statale che, ove ve ne fosse la necessità, potrà ottenere le sezioni sufficienti a soddisfare l’esigenze del territorio, unitamente alle potenzialità della Scuola Materna Privata Mons. Baima.

giu 4

bimbi2

Dopo un’attenta analisi è emerso che per il nostro Comune un asilo nido sarebbe un onere economico pressochè insostenibile: 100.000 € all’anno per una struttura gestita da privati, con 24 posti e rette da 5/600 € al mese.

Esiste però un alternativa in grado di offrire parzialmente il servizio dell’asilo nido: la Sezione Primavera. Si tratta di un servizio per la primissima infanzia previsto dalla Legge Finanziaria 2007, che si rivolge ai bambini tra i 2 e i 3 anni: l’offerta è paragonabile a quella di un nido, ma è sovvenzionato in modo consistente dal Ministero, in tal modo l’utenza affronta (attualmente) una spesa di circa 2/300 € al mese. 

L’esperienza è in corso nel nostro Istituto Comprensivo, nel plesso di Candiolo con ottimi risultati: possiamo pensare di avviare l’iter burocratico per tale servizio da svolgere, tra non molto, eventualmente nella attuale Scuola Elementare.

mag 8

bambini2

Pubblichiamo la lettera che il sindaco, Fulvio Bussano, ha inviato ai genitori dei bambini che frequentano la Scuola Materna Baima, per esporre chiaramente la sequenza degli eventi verificatisi in merito alla creazione di una Sezione di Scuola Materna Statale nel nostro comune.

Ricordiamo che, durante l’ultimo Consiglio Comunale, è stata rinnovata la convenzione tra il Comune e la Scuola Baima, incrementando il contributo fornito dal Comune alla scuola stessa.

apr 23

 bambini1

Vista l’importanza del tema e per rispondere alle osservazioni ricevute, riteniamo opportuno fare alcune puntualizzazioni.

Molti degli elementi per valutare l’evoluzione del passaggio da scuola materna a scuola elementare sono presenti nel Bilancio Sociale e sono a disposizione della riflessione di ognuno. Nel caso non li si volesse ritenere sufficienti, si può aggiungere che vi sono dei meccanismi decisionali all’interno di una amministrazione (per scelte pesanti), che non sempre possono essere di immediata comprensione, specie da chi guarda esternamente la sequenza delle date e decide se questo o quel lasso di tempo è troppo lungo o troppo corto, su considerazioni spesso arbitrarie.
Possiamo annoverare, tra gli altri motivi, anche la ammirevole volontà della Scuola Materna Baima di continuare ad erogare il servizio ampliando addirittura, con il contributo del Comune, il numero dei locali da adibire.

Un’altro rallentamento nel processo decisionale fa onore, forse, alla nostra “lentezza”: una decisione repentina, alcuni anni fa, avrebbe “fatto saltare”, con ogni probabilità, alcuni posti di lavoro delle maestre, che non erano ancora comprese nelle graduatorie pubbliche e quindi tutelate in qualche modo.
Questa Amministrazione i posti di lavoro, quando è possibile, tenta di difenderli in tutti i modi (Casa di Riposo, Olimpias ecc.)

Il clima odierno tra CdA della Scuola e Amministrazione è sufficientemente sereno e costruttivo per ricercare soluzioni condivise e guidate, per governare un processo che prima o poi potrebbe assumere connotazioni più difficili da gestire, a causa dei numeri.

Per quanto riguarda la questione relativa all’ubicazione della nuova sezione di scuola materna, occorre precisare che:

  • si tratterebbe comunque di una sistemazione temporanea, in quanto le destinazione della nuova scuola materna resterebbe l’edificio dell’attuale scuola elementare
  • per prefabbricato noi non intendiamo una cosa del genere

prefabbricato1

ma piuttosto qualcosa di questo tipo

 prefabbricato21

  • una delle strade che attualmente si stanno percorrendo prevede l’utilizzo dell’ex refettorio del Convento di via Trieste, ma sono ancora in corso accertamenti sulla sua idoneità; in ogni caso esistono altre soluzioni percorribili, tutte in corso di valutazione.
apr 13

nuova-scuola-elementare

E per i bimbi ecco in costruzione la nuova scuola elementare. Tutta la struttura è rivolta verso il rispetto dell’ambiente, del risparmio energetico e l’ecosotenibilità, ed è costruita a misura dell’utenza. L’opera verrà ultimata per l’anno scolastico 2010-2011.